Fatturazione Elettronica Enti Pubblici e Imprese

 

fatturazione-elettronica-650

Fatturazione Elettronica

Enti Pubblici e Imprese Private (B2B)

La Fatturazione Elettronica si dimostra mediamente conveniente rispetto ai metodi tradizionali (posta, allegato e-mail) anche per piccole realtà con volumi inferiori alle 500-1000 fatture all'anno. Lo standard normativo per le fatture PA è stato reso disponibile per la fatturazione tra imprese private (B2B) e sostenuto da incentivi fiscali (DL 127/2015, DL 249/2016)

Efficienza e Risparmio

Dal 1 Gennaio 2017 la Fatturazione Elettronica è resa possibile anche per le relazioni tra imprese private e proffesionisti. Per i soggetti che scelgono di avvalersene sono previste facilitazioni e semplificazioni amministrative, contabili e fiscali quali: liquidazioni IVA, spesometro, comunicazioni INTRA, rimborsi, verifiche.

Nuove disposizioni nella Legge di Bilancio 2018

Nella legge di bilancio 2018 approvata il 23 dicembre scorso è stata disposta l'obbligatorietà della fatturazione elettronica anche tra privati dal 1^ gennaio 2019 (art. 1 comma 909-916 e successivi aggioramenti). Viene disposto inoltre che fatture emesse in modalità diverse da quelle previste, la fattura si intende non emessa con relative sanzioni.

Questo significa che, dal 1^ gennaio 2019 occorre attrezzarsi per l'emissione o l'importazione di fatture in formato elettronico.

PICAM7 - Fattura Elettronica

PICAM7 sia nella versione Azienda Full che nella versione Azienda Light, è attrezzato con un modulo opzionale per la fatturazione elettronica PA e tra privati (B2B) come disposto dal DL 127/2015. Nel modulo Fattura Elettronica di Picam7 ci sono tutte le funzioni sia per l'emissione delle fatture clienti che per l'importazione delle fatture fornitori in formato XML come da disposizioni.

  • Il formato fatturaPA, utilizzato per la trasmissione delle fatture elettroniche verso le Pubbliche Amministrazioni, è stato adeguato per permettere anche la fatturazione elettronica tra privati, a partire dal 1° gennaio 2017, come previsto dal D.lgs. n. 127/2015.
  • In particolare, le elaborazioni effettuate a partire dal 01/01/2017, utilizzeranno il nuovo formato per la generazione del file XML.

 

Accreditamento sul Sistema di Interscambio (SDI)

È possibile trasmettere e/o ricevere le fatture elettroniche anche solo attraverso un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC): in questo caso non occorre alcuna richiesta di accreditamento al SDI

  • La richiesta di accreditamento serve solo se un'azienda intende creare un canale telematico dedicato e sempre attivo (canale di tipo FTP o Web-Service) tra i suoi server e il SdI: questa procedura, quindi, è rivolta a quegli operatori caratterizzati da un particolare grado di informatizzazione, capaci di gestire con continuità e con costante presidio di personale il sistema informativo collegato al SdI e che devono trasmettere e/o ricevere un numero molto rilevante di file fatture elettroniche.
  • Si ricorda che la casella PEC ovvero il canale telematico accreditato (FTP o Web-Service) non devono necessariamente essere intestati all'operatore che deve emettere/ricevere la fattura elettronica (cedente/prestatore o cessionario/committente), ma quest'ultimo può trasmettere/ricevere le sue fatture anche attraverso PEC o canale telematico di uno o più intermediari.

Decreto legislativo nr. 127 del 05/08/2015

Legge di Bilancio 2018

carrello50info50

 

Fattura Elettronica tra privati: Cosa Cambia

  • Il nuovo obbligo di fatturazione elettronica riguarda tutti i soggetti IVA, entra in vigore dal 1° gennaio 2019 secondo le disposizioni previste nella legge di bilancio 2018.
    Riguarda tutti: il comma 909 designa i soggetti privati su cui ricade l’obbligo di emissione delle fatture elettroniche per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi:
    • residenti
    • stabiliti
    • identificati nel territorio dello Stato.
  • Sono esonerati da tali disposizioni solo i soggetti che operano in regime di vantaggio e coloro che applicano il regime forfettario.
    I soggetti obbligati potranno invece avvalersi di intermediari per la trasmissione delle fatture elettroniche, ferme restando le responsabilità del soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio.
  • La trasmissione delle fatture elettroniche avverrà attraverso il Sistema di interscambio (SDI) istituito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e già utilizzato per le operazioni con la Pubblica Amministrazione. L’inoltro dovrà essere effettuato entro le ore 24 del giorno della data del documento emesso.
  • L’obbligo per le fatture relative a cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori; a prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una pubblica amministrazione la cui decorrenza era stabilita dal 1 Luglio 2018, è stato prorogato al 01/01/2019
  • Anche per le fatture elettroniche c'è l’obbligo della corretta conservazione. Gli obblighi di conservazione si intendono soddisfatti per tutte le fatture elettroniche nonché per tutti i documenti informatici trasmessi attraverso il Sistema di Interscambio e memorizzati dall’Agenzia delle Entrate.
  • Fatture emesse con modalità diverse dal formato elettronico, saranno considerata non emesse e verrà applicata la sanzione prevista in caso di violazione degli obblighi relativi alla documentazione, registrazione ed individuazione delle operazioni soggette ad IVA.
  • Per le fatture tra privati (B2B) non è più necessario apporre la firma elettronica

 

 

Support Ticket System

help-desk263

per le segnalazioni e la richiesta di assistenza è attivo il servizio di supporto on-line (è richiesta la registrazione) ?

 

Supporto Documentale

abbiamo attivato un servizio di supporto documentale per rendere facilmente disponibili, ai clienti registrati, manuali, note tecniche, aggiornamenti

GRIS30 Gestione Rete di Imprese

GRIS30 Piattaforma basata su WEB per attività organizzate su modello a rete

Il progetto si propone di:

  • fornire alle piccole e micro imprese uno strumento di gestione  per le attività commerciali  e di relazione, aumentandone  visibilità e capacità di azione e stimolandone la crescita economica
  • promuovere l’aggregazione e la collaborazione tra imprese, la condivisione delle conoscenze, la creazione di valore sociale attraverso un modello organizzativo a rete di tipo paritetico.

www.gris30.eu

1998-2018 © Servizi informatici srl - p.IVA 10052250155 - policy del sito - uso dei cookies e tecnologie simili - chi siamo